Legatura Elastica Emorroidi: Dolore e Convalescenza

La legatura elastica è uno degli interventi preferibili per la cura delle emorroidi. Si tratta dell’intervento meno invasivo, di quello che comporta minor dolore e un periodo inferiore di convalescenza. Chi soffre di emorroidi può tentare di risolvere con questo intervento, sebbene non si tratti di un intervento pienamente risolutivo. Se non si cura la causa della patologia emorroidale, infatti, ci si troverà, inevitabilmente a combattere nuovamente con questo problema.

Prima di procedere con un intervento di questo tipo, però, sappiate che è fondamentale modificare la propria alimentazione e il proprio stile di vita. Questo dovrebbe comportare sia la diminuzione fino alla completa guarigione della patologia, che la possibilità che non vi sia recidiva nella comparsa di nuove emorroidi.

Quando utilizzare la legatura elastica?

La legatura elastica è una procedura che viene utilizzata in particolar modo per le emorroidi di grado più lieve, di primo o secondo grado, in caso di prolasso o di sanguinamento. In genere si evita qualsiasi tipo di intervento a meno che il prurito e il dolore non siano forti e quindi, di comune accordo con il dottore, non si preferisca intervenire in maniera ambulatoriale.

In cosa consiste la legatura elastica?

La legatura elastica è un intervento ambulatoriale, che non necessita di una prolungata osservazione post operatoria, ed è consigliata perciò ai pazienti che siano in buone condizioni e non presentino patologie croniche. Non necessita di anestesia totale, è sufficiente un’anestesia di tipo locale.

Nella fase preoperatoria non è necessario effettuare la depilazione. Due ore prima viene effettuato un clistere, come il sorbiclis per pulire la zona e prepararla in vista dell’operazione.

La soluzione completa è qui!

Emorroidi crema di trattamento - HemoTreat Crema - Veloce sicuro...
41 Recensioni
Emorroidi crema di trattamento - HemoTreat Crema - Veloce sicuro...
  • HemoTreat prodotto nuovo e innovativo per le emorroidi interne ed esterne e per le ragadi anali.
  • Prodotto innovativo formulato con una nuova sostanza attiva.

Prima di iniziare l’operazione, il paziente viene fatto sdraiare su di un lato e poi si procede con l’utilizzo di uno strumento denominato “proctoscopio”, una sorta di sonda che va inserita nell’ano in caso di emorroidi interne. L’emorroide viene afferrata per il tramite di una pinzetta e viene posizionato un elastico molto stretto alla base del gavicciolo emorroidale. In questa maniera il sangue non affluisce più nell’emorroide e questa va in necrosi e finisce col cadere.

L’operazione non è affatto dolorosa, si avverte solo del fastidio una volta tornati a casa, ed è molto semplice anche sotto il profilo della convalescenza. Il paziente deve essere molto attento a tenere pulita la zona con lavaggi frequenti, i quali saranno molto utili per dare sollievo al prurito che si può avvertire.

Legatura elastica, ci sono dei rischi?

La legatura elastica rappresenta uno dei metodi preferiti per il trattamento delle emorroidi per i pazienti, ma non è senza alcun rischio, anzi. Non di rado la procedura non riesce e il medico non riesce ad inserire correttamente l’elastico e quest’ultimo si stacca, provocando dei dolori molto forti nel paziente, in altri casi, invece, la legatura non è effettuata correttamente e la procedura non riesce completamente e non si riesce a provocare la necrosi dell’emorroide. In questo caso, quindi, la patologia emorroidale non scompare e il paziente continuerà a soffrire per via di questa patologia.

Leggi la nostra Disclaimer sui Prezzi.

One Response

  1. fabrizio

Condividi la tua Esperienza

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.