Emorroidi Esterne: Cura

La patologia emorroidale non è molto pericolosa, per tanto è dolorosa! Le emorroidi (quelle esterne in particolar modo) provocano veramente dei dolori lancinanti e se siete giunti a leggere questo articolo, molto probabilmente saprete di che cosa sto parlando! Questa patologia infatti è tra le più dolorose e spesso impedisce a chi ne soffre di svolgere in maniera normale la propria vita.

Cosa fare, allora se si hanno le emorroidi esterne? La risposta più facile è quella di andare dal medico curante, ma chi ne soffre sa benissimo l’imbarazzo che si prova vista la zona delicata. Su internet, però, è molto facile trovare rimedi validi ed efficaci contro le emorroidi esterne, anche se, se non dovessero dare dei miglioramenti in poco tempo, non posso che suggerirti di andare dal medico di fiducia per farti prescrivere una rettoscopia in modo da escludere patologie più serie e, soprattutto, più pericolose.

Le emorroidi esterne sono facilmente individuabili al tatto: sentirete nella zona anale un vero e proprio rigonfiamento: sì è proprio quella bollicina a provocarti un dolore così assurdo che a lavoro non riesci neanche a stare seduto a meno che non ti porti un cuscino da casa (oppure non compri una apposita ciambella che si compra in ogni farmacia).

Una volta individuata o individuate nel caso in cui abbiate più di una emorroide (e non dubitiamo del fatto che così come vi sono delle emorroidi esterne, siano presenti anche delle emorroidi interne, in quanto nella più gran parte dei casi questa patologia si presenta con la combinazione delle due tipologie) bisogna al più presto iniziare a curare le emorroidi per evitare che diventino trombizzate, che prolassino e che perdano sangue o che diventino di un grado superiore e più grave.

In alcuni casi, infatti, le emorroidi possono diventare tanto gravi da richiedere un intervento chirurgico, uno tra i più dolorosi, con tempi di degenza di oltre un mese. Noi non vogliamo che accada questo, vero? Andiamo a scoprire, quindi cosa fare in caso di emorroidi.

Cosa fare quando si soffre di emorroidi esterne

La prima cosa, intesa come rimedio naturale, da fare è quella di cercare di spingere l’emorroide verso l’interno in maniera molto delicata. E’ stato studiato, infatti, che in questa maniera si favorisce la guarigione dell’emorroide.

E’ fondamentale, poi, una corretta igiene intima, la quale evita che possano infettarsi, infiammandosi e gonfiandosi ancor di più (e, di conseguenza, peggiorando ancora il dolore). Utilizza in tal senso un detergente intimo delicato con PH neutro oppure dell’acqua tiepida con un tappo di Amuchina (molti medici consigliano di effettuare bagni di questo tipo 3 volte al dì, in quanto sono disinfettanti e detergono benissimo la zona con un sollievo immediato dopo averli realizzati).

Non bisogna poi utilizzare la carta igienica colorata e o profumata dopo la defecazione, in quanto irrita molto la zona: badate che si tratti di una carta igienica molto morbida. In alternativa utilizza le salviettine umidificate dei bambini o della carta igienica imbevuta di acqua.

La soluzione completa è qui!

Offerta
Emorroidi crema di trattamento - HemoTreat Crema - Veloce sicuro...
43 Recensioni
Emorroidi crema di trattamento - HemoTreat Crema - Veloce sicuro...
  • HemoTreat prodotto nuovo e innovativo per le emorroidi interne ed esterne e per le ragadi anali.
  • Prodotto innovativo formulato con una nuova sostanza attiva.
Offerta

Consiglio, poi, oltre ad una alimentazione molto ricca di fibre con una assunzione di circa 20 o 30 grammi al giorno, di integrare con delle tisane che potrete farvi fare facilmente dal vostro erborista di fiducia, le quali andranno a migliorare facilmente la situazione emorroidale. In genere esse sono a base per lo più di ippocastano, nocciolo e amamelia, dalle elevate proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche.

A questi accorgimenti, bisogna aggiungere il movimento fisico: una passeggiata a passo svelto per circa 20 minuti al giorno aiuta i movimenti intestinali e combatte il problema emorroidale.

Il rimedio per le emorroidi esterne del ghiaccio

Per bloccare il dolore e il sanguinamento nel caso in cui siano emorroidi esterne sanguinanti, sebbene non sia un rimedio condiviso da tutti, è efficace nell’immediato utilizzare il cosiddetto rimedio del ghiaccio, ponendo sulla zona dei cubetti di ghiaccio i quali svolgono un’azione di anestetico naturale e coagulante.

Il rimedio della bevanda a base di acqua e limone

Un altro rimedio naturale è anche costituito da una bevanda a base di acqua e limone. Non dovrete fare altro che bollire in acqua delle bucce di limone (occhio a sciacquarle molto bene, preferibilmente con dell’Amuchina) e lasciare così in infusione. Una volta bollito, bisogna filtrare le bucce e berne il contenuto: anche più tazze al giorno. Ti consiglio di versare il gradevole composto in un una bottiglia e portarla sempre con te in modo da poterlo bere in qualsiasi momento. In questo rimedio si confida molto nelle proprietà del limone di rafforzare le vene.

I farmaci contro le emorroidi esterne

Purtroppo, come ti dicevo prima, le emorroidi spesso sono difficili da combattere autonomamente e dovrete ricorrere al consiglio del vostro medico di fiducia il quale vi effettuerà prima una esplorazione per vedere la situazione e poi vi farà fare una rettoscopia.

I medicinali utilizzati contro le emorroidi esterne sono di diverse tipologie, variano dalle supposte agli unguenti alle pasticche. Quelli più utilizzati sono rappresentati dalle creme ad uso topico che hanno un effetto immediato sulla parte affetta dalla patologia.

Tra le pomate più utilizzate per combattere le emorroidi esterne abbiamo il conosciutissimo unguento chiamato preparazione h, forse il più conosciuto. Esso è un medicinale di libera vendita che può essere utilizzato anche dalle donne in stato interessante in quanto non è a base di idrocortisonici.

Non sono di libera vendita e soprattutto sono caldamente sconsigliati alle donne incinte, invece, i farmaci con anestetico locale. Ve ne sono alcuni anche con proprietà disinfettanti, antinfiammatorie e lubrificanti.

Tra i farmaci ad uso anestetico, ti ricordo il Proctollin, Emorril, Prepacort, Ultraproct. Molte creme disponibili per curare le emorroidi sono anche disponibili in supposte e si rivelano particolarmente efficaci soprattutto per chi soffre contemporaneamente sia di emorroidi esterne che di emorroidi interne.

Sono disponibili, come dicevo, anche numerose pasticche o bustine per via orale utili nel trattamento delle emorroidi esterne. Tra queste particolare rilevanza hanno i farmaci che hanno funzione capillaro protettrice come il Venoruton e il Tegens (i quali, tra l’altro, sono di libera vendita), oppure dietro prescrizione medica si può prendere il Daflon.

Leggi la nostra Disclaimer sui Prezzi.

Condividi la tua Esperienza

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.